Bisogna uscire da un’ottica immediata ed emergenziale. Il problema durerà. Il Fvg è un’eccezione con lo Sprar che funziona e riduce tensioni sociali

“L’ emergenza profughi purtroppo non è più un fenomeno straordinario, ma sta diventando un problema strutturale con cui tutta l’ Europa e l’ Italia devono fare i conti: al centro destra dico “basta speculazioni politiche” contro la Regione e i Comuni capoluogo che vanno al voto nel 2016, le competenze in materia di immigrazione innanzitutto sono dello Stato” ha dichiarato Giulio Lauri, capogruppo di Sel in Consiglio regionale, rispondendo a Roberto Dipiazza che in Aula aveva stigmatizzato la latitanza di operatività di Regione e Comune nell’ affrontare il problema. “Ad essere in ritardo sono l’Europa e l’Italia, perché è il Governo che deve rispondere. Fra le regioni il Fvg rappresenta un’eccezione, perché sta collaborando con lo Stato. E proprio l’esperienza del Comune di Trieste mostra come sia possibile un cambiamento strutturale, nei percorsi di accoglienza diffusa sul territorio che, in attesa dell’identificazione e della destinazione finale di chi fugge dalle guerre, richiede risorse e sforzi da parte di tutti. Lo Sprar è l’unico sistema per l’accoglienza dei richiedenti asilo che alla prova dei fatti funziona in quanto riduce le tensioni sociali. E anche la Regione sta facendo la sua parte – in collaborazione con i Comuni -, concorrendo alla realizzazione di una rete di coordinamento tra i Comuni che però sono chiamati tutti a fare la loro parte, anche quelli governati dal centro destra. E’ chiaro che la situazione è difficile, ma bisogna uscire da un’ottica immediata ed emergenziale sapendo che il problema durerà e che è necessario attrezzare il Servizio Immigrazione a fare di più nel supporto all’azione dello Stato nel costruire la primissima accoglienza nei nuovi hub, e poi quella diffusa in attesa delle conclusione delle pratiche di riconoscimento del diritto di asilo.”

Comunicati Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *